La politica del marchio

Una delle grandi cose dell’attuale ciclo delle elezioni presidenziali è che abbiamo tre candidati che, dal punto di vista del marchio, sono totalmente diversi (tuttavia, lo stesso non si può dire per i candidati su questioni più sostanziali, ma questo è un posto diverso). Abbiamo Barack Obama, che è fresco e nuovo. Il marchio di Hillary Clinton è forte e intelligente mentre il marchio di John McCain è affidabile e indipendente.

In altre parole, i candidati alla presidenza sono marchi politici che stanno cercando di farci acquistare il loro prodotto. Possono essere paragonati ai prodotti Coca-Cola con Hillary Clinton come Diet Coke. È in giro da molto tempo e ci sono quelli che sono ambasciatori del marchio per Diet Coke, ma ce ne sono altri che semplicemente odiano Diet Coke. In altre parole, Hilary Clinton si sta polarizzando nel senso che non tutti pensano che sia all’altezza del compito di essere il comandante in capo o la biasimano per essere al suo fianco, o qualsiasi altra serie di ragioni. Ma il fatto è che la maggior parte delle persone si sente certa di ciò che otterrà con Hillary Clinton come presidente, come farebbero quando aprono una bottiglia di Diet Coke.

John McCain è Coke Classic. Perché scherzare con una cosa buona è la domanda che molti potrebbero fare su McCain. Ha esperienza militare e sicuramente ha fatto il giro del blocco di Washington. Come la Diet Coke, sei certo di ciò che stai ricevendo, ma c’è ancora la sensazione che potresti voler provare qualcosa di nuovo. Molti americani non sono sicuri di voler sostenere McCain perché potrebbe rappresentare più della stessa Coca-Cola che abbiamo bevuto per quasi otto anni, quindi potrebbero voler mescolare e provare altri prodotti Coca-Cola.

Barack Obama è un nuovo prodotto Coca-Cola che è appena entrato nel mercato. Ad alcune persone piace il nuovo prodotto e ci sono stati molti primi utenti, ma alcuni non sono ancora sicuri di essere disposti a provare questo nuovo prodotto Coca-Cola quando preferiscono quelli vecchi. In termini di non marketing, ciò significa che Obama è il nuovo ragazzo del blocco che promette di essere diverso dai politici che siamo abituati a farci rappresentare a Washington. Barack Obama è nella fase di test di protezione. Sembra che arriverà sul mercato e se la caverà abbastanza bene.

Qualunque cosa accada, è interessante per i professionisti del marketing considerare i politici come marchi. Quando lo faremo, possiamo vedere attraverso la retorica e quindi iniziare davvero a esaminare le questioni sostanziali che determineranno o distruggeranno la campagna di un candidato e l’eventuale presidenza. È meno importante se ci piace un candidato, se vogliamo invitarla a cena o condividere una birra. L’importante è chi può gestire meglio il paese e aiutarci ad andare avanti da questi tempi economici difficili.

Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *