Mosse di combattimento di strada – Come sopravvivere a un combattimento di strada usando il combattimento istintivo dei bambini

L’altro giorno ho visto qualcosa di straordinario, uno spettacolo comune, ma questa volta l’ho visto attraverso gli occhi di un combattente di strada. Una bambina, forse 5 o 6, è stata tentata di essere trascinata per mano da un ragazzino che sembrava un fratello maggiore o qualche altro parente di forse 12 anni.

Mentre piangeva in segno di protesta, improvvisamente smise di piangere e divenne aggressiva. Gli morse la mano e gli diede un forte calcio sugli stinchi. Cadde a terra afferrandosi per gli stinchi e massaggiandosi la mano che si contorceva per il dolore con una faccia scioccata. Ovviamente ha rilasciato la bambina mentre correva tra le braccia di una signora che si avvicinava che assomigliava a sua madre.

Questa, onorevoli colleghi, è la risposta istintiva di lotta dei bambini che funzionerà ancora oggi per noi adulti. Dobbiamo solo reimparare ciò che già sappiamo.

Suggerimenti per il combattimento istintivo


1. Combatti come un essere umano e non come un animale esotico – C’è stato un sacco di romanticismo e mito che circonda la maggior parte delle arti marziali moderne mentre vengono insegnate e prese dalle sue antiche origini di secoli e secoli fa. C’è questa idea che noi umani dovremmo imitare gli stili di combattimento degli animali per essere combattenti efficienti. Veramente? Gli animali camminano a quattro zampe. Gli esseri umani camminano su due. Gli animali hanno la pelliccia. Gli esseri umani indossano cappotti. Gli animali camminano a piedi nudi. Gli esseri umani indossano scarpe e talvolta stivali. Qualcuno mi aiuti! Non vedo la somiglianza. Guarda, questa è la mia premessa. Un orso ha un modo istintivo di combattere. Si appoggia alle zampe posteriori con un po ‘di difficoltà e usa gli artigli anteriori per colpire. Un canguro ha un modo istintivo di combattere. Poiché le sue piccole braccia sono quasi inutili, deve usare le sue potenti zampe anteriori per calciare in avanti e avere fiducia, ma non artiglia come un orso. Una gru ha un modo istintivo di combattere. Usa il becco e gli artigli con i piedi, ma non si può dire che l’artiglio dei piedi di una gru sia lo stesso di quello di un orso. Un serpente può solo avvolgere e spremere, se non è velenoso. Un serpente non artiglia né scalcia. Dove sto andando con tutto questo? Affermo che anche noi come esseri umani abbiamo un modo istintivo di combattere che si vede meglio nel suo stato primordiale quando i bambini piccoli combattono, scalciano e mordono.


2. Morso – Morso – Morso – Lo metto tre volte perché questa è la tecnica di autodifesa più elementare e primordiale che esista. Mordere non è educato. Ed è esattamente quello che vogliamo. Mordere è doloroso e quando un adulto lo fa improvvisamente a un altro adulto, è scioccante e disarmante. Se mordi quasi ogni parte di un attaccante e non lo lasci andare, si scatena il panico e lo mordi letteralmente a morte. Questo mi ricorda quando avevo circa 12 anni, quando non conoscevo nemmeno il significato delle arti marziali. Stavo parlando con la mia dolce metà del quartiere fuori sul marciapiede quando arriva in bicicletta il bullo del vicinato con due delle sue coorti. Questo bullo aveva forse 13 o 14 anni ed era molto, molto più alto e più grosso di me. Si avvicina a me. Mi volto a guardarlo. “Quello che guardi”, mi sfida. “Ti sto guardando,” ribatto, non volendo sembrare un piagnucolone di fronte alla mia ragazza, quando improvvisamente, “Pow!” Mi dà un pugno sulla fronte. Divento disorientato, e prima che me ne accorga, si tuffa verso le mie gambe, mi colpisce allo stomaco con le spalle, mi solleva dalla parte posteriore delle ginocchia e mi sbatte a terra. Ora sta cercando di mettersi in posizione per colpirmi e colpirmi in faccia cercando di tenermi le spalle con le mani. Ebbene, mentre cercava di farlo, ha accidentalmente premuto la sua guancia contro le mie labbra. Istintivamente, ho morso la guancia di quella ventosa come se fosse una bistecca di costolette. E non ho lasciato andare. Adesso, lui dovrebbe essere quello che mi prende a calci in culo, ma sta urlando e urlando come una ragazza. Dopo essermi stancato di sentirlo urlare nel mio orecchio dopo un paio di minuti, ho lasciato andare. La sua mascella sanguinava ed era sotto shock. Lui ei suoi amici sono saliti sulle loro biciclette, sono partiti e non l’ho mai più visto fino ad oggi.

3. Sucker Punch – Questo è esattamente il modo in cui il bullo ha avuto la meglio su di me. Mi ha preso a pugni. Ma ovviamente da adulti dobbiamo dargli un nome stravagante, quindi lo chiamiamo “attacco preventivo”. La Dee Dee. La Dee Da. È tutta la stessa roba. L’idea è di colpire prima che l’altra persona abbia il tempo di reagire. (E, naturalmente, non abbassare la guardia e non essere a conoscenza di un possibile primo colpo da parte dell’altra persona.)

4. Impara e padroneggia solo una o due potenti tecniche – Sii semplice. Mantenerlo facile da ricordare e facile da eseguire. Stai lontano da qualsiasi sistema di arti marziali che pretenda di insegnarti 400 modi per eseguire una tecnica contro un attacco. Questo è ridicolo perché l’unica cosa che questo farà per rallentare il tuo tempo di reazione mentre la tua mente inizia a elaborare quale delle 400 tecniche dovresti usare mentre vedi questo pazzo S.O.B. con un coltello in piedi davanti a te pronto a sventrarti come un filetto di pesce. Ti congelerai. Non saprai cosa fare. E con ogni probabilità finirai per essere ferito o ucciso seriamente. È come se qualcuno mi dicesse che vuole mostrarmi 400 modi diversi per pulirmi il sedere. Bene, io sostengo che almeno 398 di questi modi sono totalmente inutili. Se un bambino sta imparando ad allacciarsi le scarpe e tu provi a mostrargli 400 modi diversi di allacciarlo, in caso di emergenza, quanto velocemente potrebbe allacciare quella scarpa con 400 modi diversi che gli nuotano nella testa. Nell’autodifesa e nel combattimento di strada, meno è meglio, cioè meno è più che sufficiente per occuparsi degli affari e proteggersi. Sii semplice. Mantienilo potente. Mantienilo istintivo.

Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *